• Paolo Savoia

✅TUTTO GRATIS, ALTRO CHE 110%

Ultimi 7 giorni in una passivhaus a Mantova.

Sotto i grafici di: - temperatura aria esterna - assorbimento pompa di calore - confronto tra l'assorbimento della pompa di calore istantaneo e la produzione del fotovoltaico (a parte oggi, autoconsumo totale) - temperatura di mandata e ritorno dell'impianto idronico (si è un impianto idronico!) e temperatura e umidità aria sulla ripresa dell'aria (da bagni, cucina e lavanderia)


Il comfort interno è spettacolare, qualità dell'aria eccelsa. Sensazione di equilibrio interno eccellente, assenza di asimmetria radiale. Se esistesse, sarebbe in classe A++ della UNI EN ISO 7730.


Qui si che l'impianto è minimo, calcolato giusto giusto e per i diffidenti, nessun pendolamento!


Vuoi saperne di più? Vai su paolosavoia.com e aspetta l'uscita del mio libro ad ottobre! Scoprirai come fare efficienza negli impianti termici a servizio degli edifici ad elevate prestazioni.


PS: raccogliere i dati è poca cosa. La cosa più difficile è capire quali dati acquisire ed elaborare per trarre utili considerazioni.

Totale assorbimento energetico della pompa di calore per fare acqua calda e riscaldamento. Se dovesse pagare l'energia elettrica, saremo a circa 1.2€ al giorno per fare entrami i servizi!!!


Confronto tra potenza assorbita e produzione fotovoltaica. L'autoconsumo totale è evidente, tranne oggi. Da notare i picchi di consumo per la produzione di acqua calda sanitaria coperti dal picco della produzione fotovoltaica del piccolo impianto.

Assorbimenti orari della pompa di calore. Una semplicissima impostazione oraria, fatta a costo 0 (gratis) permette di ottimizzare l'autoconsumo e di mantenere calda d'inverno e fresca d'estate la passivhaus.


Temperatura di mandata e ritorno della pompa di calore, a dimostrazione del corretto funzionamento (mancanza di pendolamento). Temperatura e umidità registrata sull'estrazione dell'aria della vmc da bagni, cucina e lavanderia (i locali più caldi e umidi).


Temperatura esterna


Nel grafico delle temperatura dell'acqua di mandata si nota una temperatura di circa 30°C durante la produzione di acqua calda sanitaria. In realtà è un problema di conduzione delle tubazioni. La sonda di mandata e ripresa sono collocate sulle tubazioni idroniche, ma durante la produzione di acs la pompa di calore ha una tre vie interna che non fa passare acqua da quelle tubazioni. Le sonde ne risentono indirettamente quindi per conduzione. Sotto i grafici delle temperature del gas/vapore del refrigerante, nelle quali si nota la produzione di acs ad alta temperatura (la pompa di calore lavora in R32).

71 visualizzazioni
 

©2020 - Ing. Paolo Savoia - Termotecnica ed acustica per il comfort in edilizia
C.F.: SVAPLA77H17M125J - P.IVA: 02059620209

  • Facebook
  • LinkedIn