top of page
  • Paolo Savoia

๐—•๐—ข๐—Ÿ๐—Ÿ๐—œ๐—ง๐—ข๐—ฅ๐—˜ ๐—ข ๐—”๐—–๐—–๐—จ๐— ๐—จ๐—Ÿ๐—ข ๐—ง๐—˜๐—–๐—ก๐—œ๐—–๐—ข?

Aggiornamento: 1 set

๐—ค๐˜‚๐—ฒ๐˜€๐˜๐—ผ ๐—ป๐—ผ๐—ป ๐—ฒฬ€ ๐—ถ๐—น ๐—ฝ๐—ฟ๐—ผ๐—ฏ๐—น๐—ฒ๐—บ๐—ฎ. ๐—ข ๐˜€๐—ถ.

Torniamo a parlare di ACS (acqua calda sanitaria) dopo il post sull'importanza della superficie di scambio e sul calcolo della stessa.

Ci sono 2 modi di produrre tradizionalmente ACS tramite accumulo.


Il primo consiste nell'accumulare AFS (acqua sanitaria fredda) nell'accumulo e riscaldarla, tramite uno scambiatore (a piastre o a tubo spiralato annegato), con un generatore. Tipicamente si chiama questo accumulo ๐—ฏ๐—ผ๐—น๐—น๐—ถ๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ ๐˜€๐—ฎ๐—ป๐—ถ๐˜๐—ฎ๐—ฟ๐—ถ๐—ผ

Il secondo quello di accumulare acqua tecnica (non sanitaria), riscaldandola tramite due attacchi diretti, oppure scambiatori, oppure sistemi costruiti ad hoc dai fabbricanti, in maniera che venga o meno stratificata la temperatura lungo l'altezza. L'acqua calda sanitaria viene poi prodotta in istantaneo tramite scambiatori a piastre esterni o tubi spiralati annegati nell'accumulo. In questo caso parliamo di ๐—ฎ๐—ฐ๐—ฐ๐˜‚๐—บ๐˜‚๐—น๐—ผ ๐˜๐—ฒ๐—ฐ๐—ป๐—ถ๐—ฐ๐—ผ ๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ ๐—ฝ๐—ฟ๐—ผ๐—ฑ๐˜‚๐˜‡๐—ถ๐—ผ๐—ป๐—ฒ ๐—ถ๐˜€๐˜๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ฎ๐—ป๐—ฒ๐—ฎ.

Quale dei due sistemi รจ il migliore?

Ora migliore vuol dire tutto e niente. Ogni impianto, ogni famiglia, ogni esigenza produttiva va a se. Importante per il rendimento degli impianti sono le superfici di scambio di cui abbiamo giร  accennato. Altra necessitร  da valutare sono gli ingombri, tema del presente post, oppure dell'igienicitร  dell'acqua.

๐˜Š๐˜ฐ๐˜ฎ๐˜ฆ ๐˜ง๐˜ถ๐˜ฏ๐˜ป๐˜ช๐˜ฐ๐˜ฏ๐˜ข๐˜ฏ๐˜ฐ?

Nel bollitore sanitario caricato ad esempio a 50ยฐC entra acqua fredda dall'acquedotto a 10ยฐC, ed in caso di stratificazione perfetta ottengo una erogazione acqua calda fino allo scaricamento completo del bollitore che alla fine si troverร  tutto a 10ยฐC.

Nell'accumulo tecnico invece, quando l'acqua presente all'interno arriverร  a temperatura pari a quella di erogazione (immaginiamo 40ยฐC), non ci sarร  piรน possibilitร  di produrre acqua calda sanitaria alla temperatura desiderata.

Occupiamoci ora di capire quale sia, a pari volume, la tipologia che puรฒ fornire, d'un colpo, senza che il generatore entri in funzione, piรน acqua calda sanitaria all'utente finale.

In questo caso vince a mani basse il bollitore sanitario. E' facile capirne il motivo dall'analisi sopra.

Tuttavia il tempo di ri-riscaldamento dell'accumulo รจ decisamente piรน lungo per il bollitore sanitario che avendo erogato piรน ACS (quindi piรน energia) ha necessitร  di avere piรน tempo.

Quindi da un lato il bollitore sanitario eroga piรน quantitร  di ACS ma richiede tempi maggiori di ripristino.


Questo รจ il motivo per cui, quando lo spazio รจ poco ed ho a disposizione solo accumuli da 150-200 litri, preferisco l'utilizzo normalmente di un bollitore sanitario in caso di produzione tramite pompa di calore. Tuttavia, qualora le utenze da alimentare fossero ridotte, ad esempio una sola doccia e fossi sicuro che la portata fosse bassa (esistono riduttori di portata appositi che dovrebbero essere obbligatori per legge nelle strutture collettive), anche un accumulo tecnico con preparazione istantanea potrebbe funzionare.

In questo secondo caso, posso avere ad esempio un vaso di espansione in meno, una valvola di sicurezza in meno, un anodo in meno... insomma qualcosina si risparmia.

Laddove invece non ho problemi di spazio e/o voglio garantire igienicitร  dell'acqua perchรจ ad esempio l'utilizzo non รจ sempre costante, normalmente utilizzo con successo produttori istantanei.


Il grande problema perรฒ, che vale per entrambe le soluzioni, รจ la conoscenza precisa dei "veri" valori di quantitativi di ACS disponibili con o senza generatori di ripristino in funzione ed al variare delle portate prelevate. Infatti fenomeni di rimescolamento interni al bollitore possono davvero cambiare le regole in tavola. Per questo nell'immagine sotto trovi un range di produzione di ACS, che va da una stima realizzata secondo la mia esperienza e le mie prove sul campo (valore minimo) a quella massima, ovvero derivante da formule di tipo energetico.


๐˜š๐˜ฆ ๐˜ช๐˜ญ ๐˜ฑ๐˜ฐ๐˜ด๐˜ต ๐˜ต๐˜ช ๐˜ฉ๐˜ข ๐˜ช๐˜ฏ๐˜ค๐˜ถ๐˜ณ๐˜ช๐˜ฐ๐˜ด๐˜ช๐˜ต๐˜ฐ, ๐˜ต๐˜ช ๐˜ช๐˜ฏ๐˜ท๐˜ช๐˜ต๐˜ฐ ๐˜ข ๐˜ค๐˜ฐ๐˜ญ๐˜ญ๐˜ฆ๐˜จ๐˜ข๐˜ณ๐˜ต๐˜ช con me sui vari social, ๐˜ท๐˜ช๐˜ด๐˜ช๐˜ต๐˜ข๐˜ณ๐˜ฆ ๐˜ช๐˜ญ ๐˜ฎ๐˜ช๐˜ฐ ๐˜ฃ๐˜ญ๐˜ฐ๐˜จ ๐˜ด๐˜ฆ๐˜ฎ๐˜ฑ๐˜ณ๐˜ฆ ๐˜ณ๐˜ช๐˜ค๐˜ค๐˜ฐ ๐˜ฅ๐˜ช ๐˜ฑ๐˜ช๐˜ญ๐˜ญ๐˜ฐ๐˜ญ๐˜ฆ ๐˜ฆ๐˜ฅ ๐˜ช๐˜ญ ๐˜ด๐˜ช๐˜ต๐˜ฐ ๐˜ช๐˜ฏ๐˜ต๐˜ฆ๐˜ณ๐˜ฏ๐˜ฆ๐˜ต ๐˜ฅ๐˜ฐ๐˜ท๐˜ฆ ๐˜ต๐˜ณ๐˜ฐ๐˜ท๐˜ช ๐˜ช ๐˜ฎ๐˜ช๐˜ฆ๐˜ช ๐˜ค๐˜ฐ๐˜ณ๐˜ด๐˜ช ๐˜ฆ ๐˜ญ๐˜ช๐˜ฃ๐˜ณ๐˜ช.

Se hai bisogno di consulenza tecnica specifica e pensi che possa esserti di aiuto, contattami pure.




849 visualizzazioni0 commenti
bottom of page