top of page
  • Paolo Savoia

๐—œ๐—ฅ๐—ฅ๐—”๐—š๐—š๐—œ๐—”๐— ๐—˜๐—ก๐—ง๐—ข, ๐—ฅ๐—”๐——๐—œ๐—”๐—ก๐—ง๐—˜ ๐—˜ ๐—Ÿ'๐—˜๐—ฆ๐—˜๐— ๐—ฃ๐—œ๐—ข ๐——๐—˜๐—Ÿ ๐—ฆ๐—ข๐—Ÿ๐—˜

Spiegare la modalitร  di funzionamento degli impianti radianti tramite l'esempio del sole che scalda la terra l'abbiamo fatto tutti.

Io pure.


Mi sento ripetere ai clienti l'esempio di trovarsi in inverno al sole nella baita in montagna, protetti dal vento, in maniche corte. Ma appena arrivi in ombra arriva il freddo.


Tuttavia nelle nostre abitazioni (o fabbricati) le cose funzionano diversamente.


Studiando la fisica tecnica (ASHARE o pubblicazioni di stimati autori italiani) ci si accorge che l'irraggiamento dipende dalla 4ยฐ potenza delle temperature.

Il sole รจ a 5800K circa. Eleviamolo alla 4ยฐ (1.13e^15 K^4).

Eleviamo alla 4ยฐ la temperatura ambiente, facciamo 20ยฐC (7,37e^9 K^4).

Eleviamo alla 4ยฐ la temperatura superficiale di una superficie radiante a 26ยฐC (7.99 e^9 K^4).


La potenza scambiata per irraggiamento dipende dalla differenza tra le temperature elevate alla 4ยฐ potenza di due corpi, dalla distanza e dal fattore di vista e da altri "dettagli" (emissivitร , costanti vari etc).


Concentriamoci sul primo aspetto. Se facciamo una semplice sottrazione tra le temperature dei corpi, ben si capisce che i fenomeni non sono paragonabili.


Il sole riscalda la terra perchรจ fortunatamente nello spazio non c'รจ l'atmosfera terrestre, quel composto di azoto (78%), ossigeno (21%), CO2 (0.04%) e mille altri composti. L'enorme energia arriva fino a noi, viaggiando nello spazio cosmico che รจ vuoto termotecnicamente. Se lo spazio fosse riempito da aria con la composizione dell'atmosfera, staremmo freschi.


Nelle nostre case per regolare la temperatura ci sono i termostati che rilevano la temperatura dell'aria. Non ci sono globosonde a rilevare la temperatura radiante!


Le superfici calde, riscaldano l'aria con cui vengono a contatto e per effetto di galleggiamento questa tende a salire e sale perchรจ piรน leggera richiamando l'aria piรน fredda e piรน pesante, continuando nel circolo. Questo scambio di calore si chiama convezione.


E solo tramite la misura del calore dell'aria gli impianti radianti si accendono, spengono, modulano, funzionano.


Il contributo dell'irraggiamento, della forma "pura" di irraggiamento รจ COSTANTE per tutte le tipologie di sistema (pavimento, parete e soffitto).

Le rese dei sistemi (pavimento, parete e soffitto) variano invece, in riscaldamento ed anche in raffrescamento guarda caso per il contributo convettivo.

Per questo motivo il radiante a pavimento "rende" molto in inverno e poco in estate, mentre รจ il contrario per il soffitto.


Adoro il radiante (qui https://lnkd.in/dfuhQFS7 il motivo) ma non per questo lo osanno. Se sapientemente usati aumentano il comfort, quello che va anche capito e progettato.




Si fa poi un po' di confusione tra quel che รจ il comfort del sistema radiante, il cui contributo per irraggiamento รจ comunque elevato e la potenza che esso puรฒ erogare.


Due superfici con uguale temperatura, tra di loro, non scambiano energia per irraggiamento, mentre il massimo scambio si ha tra superfici a massima differenza di temperatura con buoni fattori di vista (perpendicolari).


A noi interessano gli aspetti sia di comfort che di potenza (o energia) scambiata. Immaginiamo di avere un stanza con pareti, pavimenti e soffitti a 24ยฐC. Lo scambio termico per irraggiamento tra le superfici รจ nullo (quello convettivo no).


Una persona immersa in questa stanza, proverrebbe comunque un confort migliore rispetto alla stessa persona nella stanza a temperatura superficiale di 20ยฐC (a paritร  di metabilismo, vestiti, velocitร  aria etc) poichรฉ scambiamo meno calore con l'ambiente, raffreddandoci meno e quindi rimanendo piรน caldi.




Soluzioni che prevedono piรน porzioni radianti (pareti/soffitto/parete) presenti nella stessa stanza, forniscono quindi una potenza che non รจ la somma delle potenze dei singoli sistemi, ma il comfort generato รจ comunque migliore, se correttamente gestito l'impianto, rispetto alla situazione di un unico impianto radiante, ad esempio a solo pavimento.


Ridurre in inverno o aumentare in estate la cessione di calore verso le superfici radianti attive aumenta il comfort, indipendentemente dall'irraggiamento.


Nel libro e nel corso su "Capire gli impianti" ne parlo parecchio.


Se ti interessa approfondire la tematica e non ti accontenti delle semplificazioni ti consiglio di guardare il contenuto dei miei corsi e di chiedermi informazioni.


Piรน di 1200 corsisti (professionisti) soddisfatti.


32 visualizzazioni0 commenti
Post: Blog2_Post
bottom of page